Quei disperati senza futuro sotto le torri di Porta Nolana

L’EMERGENZA » Uno dei monumenti più carichi di storia trasformato in un suk. L’esasperazione dei residenti

 

Ubriachi, derelitti, spacciatori e immigrati senza alcun permesso di soggiorno. C’è una varia umanità che alberga sotto le torri di Porta Nolana. Una delle zone più ricche di storia, arte e cultura di Napoli. Ma nonostante le numerose denunce da parte di cittadini delle istituzioni (tra i tanti, il presidente e il consigliere della II Municipalità, rispettivamente Francesco Chirico e Luigi Petroli, che scrivono quotidianamente al questore e agli altri organi competenti) e di numerosi cittadini e operatori commerciali, oltre all’attenzione mediatica di questi ultimi anni a livello locale e nazionale, nulla è cambiato. «Non posso che provare vergogna – tuona una cittadina – Già. Con questa parola mi viene da definire ciò a cui quotidianamente e soprattutto nei giorni festivi e di sera, si assiste a Porta Nolana». Lungo corso Garibaldi, a pochi metri dalla stazione della Circumvesuviana, una marea di gente senza casa, senza identità, senza nulla che vende immondizia. Tutto a ridosso dei marciapiedi e delle stradine che costeggiano l’ex palazzo Sip. Uno scempio? No, di più. Molto di più. Forse nemmeno in un territorio di guerra si arriva a tanto degrado. Ma le parole non bastano più. Non bastano più le promesse di istituzioni, le pattuglie di polizia e carabinieri. Non bastano più i militari dell’Esercito, che a volte presidiano le due antiche torri di Porta Nolana, come fossero un obiettivo sensibile del terrorismo. «Qui si è superato il limite, anche quello del rischio attentati. Come può un cittadino uscire di casa, tenendo per mano i propri figli, per andare a passeggio tra la “monnezza”? Si domanda una donna – Come può una mamma che ha bimbi piccoli vestirli, sistemarli in un carrozzino e scendere per strada, a pochi metri dalla stazione centrale, ritrovandosi di fronte che imprecano contro ogni donna che gli si para davanti, incuranti di polizia municipale e polizia di Stato? Come può un anziano farsi sfiorare dal solo pensiero di poter fruire – di domenica sera – quella che doveva essere un’isola pedonale per la gente del quartiere, dove pure resistono e lottano tanti esercenti, tanti ristoratori, pensando di trovare combriccole di extracomunitari che bivaccano fino a tardi con alcol e altri traffici illeciti?». Ma soprattutto (e questa è la vera vergogna per noi napoletani), come può un turista che pensa di venire a Napoli ad ammirare i siti storico-artistici che ci invidiano in tutto il mondo e invece ritrovarsi davanti agli occhi gruppi di migranti che vendono lungo i marciapiedi merci prese dall’immondizia, senza alcun rispetto delle norme igienico-sanitarie? Anzi, aumentando il rischio di infezioni. Uno spettacolo indecoroso che, chi abita lì, è costretto a vedere e subire tutti i giorni. Mentre le istituzioni stanno a guardare, lasciando morire questa città e i suoi antichi quartieri come Porta Nolana in una lenta agonia che la sta dissanguando di giorno in giorno.
Giu. Cov.

Giu. Cov.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *